Bortolin Angelo, è sempre Medaglia d’Oro

Il Valdobbiadene Docg Brut unico spumante italiano premiato a Lione con la Medaglia d’Oro

Nuovi importanti riconoscimenti enologici nazionali ed internazionali per la Cantina Bortolin Angelo di Guia di Valdobbiadene (TV) dopo il successo registrato al Vinitaly e la celebrazione della Gran Medaglia d’Oro, ottenuta nel 2011 con il Valdobbiadene Docg Extra Dry, allo stand della Regione Veneto che ha voluto imprimere nella memoria come nel gesso l’impronta delle laboriose mani dei quattro veneti vincitori dell’ambito riconoscimento.

Inaspettata e di grande valore, è arrivata ora a Guia la Medaglia d’Oro ottenuta dal Valdobbiadene Docg Brut al Concorso Internazionale dei Vini di Lione, in Francia, unico spumante bianco italiano premiato tra tanti Champagne francesi e spumanti internazionali. Un grande riconoscimento per l’eccellente qualità dei prodotti della cantina Bortolin Angelo che detiene da anni un medagliere costantemente impreziosito dai più autorevoli premi enologici.

Oltre alle già due Medaglie d’Oro al Concorso Internazionale di Berlino (Berliner Wine Trophy 2012) con Il Valdobbiadene Docg Superiore di  Cartizze e il Valdobbiadene Docg Dry Desiderio, la Bortolin Angelo ha conquistato l’en plein di Medaglie d’Oro per tutti e sette i vini presentati al 51° Concorso Enologico Nazionale di Pramaggiore (VE): il Valdobbiadene Docg Superiore di Cartizze, il Brut, l’Extra Dry, il Dry “Desiderio”, il Tranquillo “Sommaval”, il Frizzante “Spago” e il Frizzante “Prade”, tutti rigorosamente Valdobbiadene Docg al 100%.

“Conquistare una Medaglia d’Oro una volta – spiega Desiderio Bortolin, titolare della cantinaè motivo di orgoglio, ma ricevere sempre e costantemente il massimo dei riconoscimenti ovunque presentiamo i nostri spumanti, sia quando giochiamo in casa sia quando ci proponiamo ai grandi concorsi internazionali, è davvero una grande emozione alla quale non riusciamo ad abituarci. Di medaglia d’oro in medaglia d’oro ad essere premiato è il lavoro di tutta la mia famiglia e del mio staff, che evidentemente aggiunge con la sua passione quel di più che fa la differenza, ma è anche un riconoscimento al territorio di Valdobbiadene, capace di esprimere in questi prodotti tutta l’essenza della sua unicità. Un premio alla mia cantina che conferma ancora una volta la straordinarietà di questo prodotto, il Valdobbiadene Docg”.

Sempre più apprezzate anche al di fuori dell’ambito prettamente enologico, le bollicine Bortolin Angelo sono state recentemente protagoniste anche all’ultima edizione del Festival della Canzone Italiana di Sanremo dove erano presenti con un apposito spazio di degustazione all’interno dell’esclusiva “Casa Sanremo – Chateaux d’Ax suona con Radio Italia”. Stappate più di 100 bottiglie al giorno, di cui 10 Jeroboam da 3 litri e 5 Salmanazar da 9 litri, uno dei quali insieme alla vincitrice del festival Emma Marrone.


La Cantina Bortolin Angelo
La Bortolin Angelo è situata nel cuore dei colli di Valdobbiadene, a Guia, ed è una delle cantine della denominazione che rappresentano in modo più autentico la tradizione e l’eccellenza enologica del territorio producendo spumanti da sempre esclusivamente100% Valdobbiadene.
Fondata nel 1968 da Angelo Bortolin, l’azienda è specializzata in spumanti dal 1983. Nel 1993 ha inizio il graduale inserimento dei tre figli (Cristina, Paola e Desiderio) tra i soci dell’azienda, un passaggio generazionale che si è compiuto definitivamente nel gennaio 2010 con la qualificazione di Desiderio Bortolin come socio di maggioranza e la trasformazione della snc in sas.
Insignite della prestigiosa Medaglia d’Oro al Vinitaly 2011 e del titolo di “Oscar tra gli Oscar” nella Guida Bollicine d’Italia 2012 del Gambero Rosso, le bollicine Bortolin Angelo sono riconosciute ovunque come l’espressione più autentica del Valdobbiadene Docg in quanto prodotte con le migliori uve vocate del territorio provenienti dai vigneti di famiglia ancor oggi coltivati, curati e vendemmiati rigorosamente a mano con quella passione antica che si può tramandare solo di padre in figlio.

Submit your comment

Please enter your name

Your name is required

Please enter a valid email address

An email address is required

Please enter your message

il Bàcaro, andàr per gusto © 2017 Tutti i diritti riservati by VISYSTEM EDITORE

Rivista di storia e cultura enogastronomica nel Triveneto

Powered by VISYSTEM