Da aprile ai primi di giugno, Verona svela il suo volto slow attraverso una delle sue eccellenze gastronomiche: l’asparago di Verona

“ASPARAGO DI VERONA, SIGNORE IN TAVOLA”

L’asparago rappresenta un’importante risorsa agricola per l’economia veronese, essendo coltivato su un territorio di una ventina di Comuni con una superficie di oltre 300 ettari ed una produzione annua di circa 20.000 quintali

Gite a piedi, suggestioni enogastronomiche ed escursioni in campagna con la possibilità di conoscere e assaporare da vicino la raccolta dell’asparago. Da aprile ai primi di giugno, Verona svela il suo volto slow attraverso una delle sue eccellenze gastronomiche: l’asparago di Verona. “Asparago di Verona, Signore in Tavola” è la gran festa che celebra il cosiddetto triangolo d’oro bianco, dalle zone di produzione, Arcole, Rivoli e Cavaion, legate strettamente alla produzione di questo ortaggio, bianco e fragrante, che fa di Verona e la sua provincia il terzo produttore a livello regionale e il settimo a livello nazionale.

La kermesse vede la collaborazione della Provincia di Verona, Confcommercio, la Camera di Commercio di Verona, Coldiretti, i Comuni di Arcole, Salizzole, Cavaion, Pastrengo, Rivoli, le Strade del vino del Soave, della Valpolicella, Terradeiforti, Lessini Durello, Arcole e la Strada del riso. Novità assoluta della rassegna, che in questa edizione compie il suo decimo anno di vita, è la collaborazione con Slow food, nella rete locale di Terra Madre. Grazie all’attività della condotta Slow Food Monte Baldo, infatti, da quest’anno entrano in scena le Comunità del Cibo, organismi che riuniscono tutti quei soggetti che operano nel settore agro-alimentare e che si impegnano a sostenere la qualità e la sostenibilità delle loro produzioni.

“Verona ha degli asparagi da primato – spiega Emidio Bedendo, Presidente del Consorzio per la tutela e valorizzazione dell’asparago, realtà che raggruppa oltre il 70 per cento dei produttori di asparagi della provincia scaligera – sia sul piano della produzione, sia dal punto di vista storico. L’asparago, infatti, rappresenta un’importante risorsa agricola per l’economia veronese, essendo coltivato su un territorio di una ventina di Comuni con una superficie di oltre 300 ettari, godiamo di una produzione annua di circa 20.000 quintali. E quest’anno si preannuncia un’annata davvero speciale. E’ fondamentale promuovere il consumo di questo prodotto subito dopo la raccolta, come prodotto davvero “a chilometri zero”, produciamo un alimento davvero competitivo e di qualità. Stiamo ottenendo risultati importanti non solo sui produttori, ma a favore dei consumatori che trovano su ogni prodotto un’etichetta con il recapito con il quale poter localizzare la provenienza”.

“Dieci anni fa, spiega Claudio Rama, presidente Confcommercio del comprensorio Baldo Garda Baldo, abbiamo dato vita ad un percorso di sinergia con i produttori e a poco a poco con i ristoratori, quindi le Strade del Vino della provincia ed il turismo itinerante (Promocamp). Quest’anno non solo dimostriamo che questa è una delle colture più importanti del territorio ma possiamo contare sulla rete Slow Food a testimonianza di un lavoro mirato alla qualità della nostra terra, al di là delle certificazioni”.

Durante il periodo dell’iniziativa, dal 3 aprile fino al 10 giugno, sarà possibile degustare l’asparago veronese sia nelle feste locali dei Comuni di Arcole, Rivoli, Cavaion, Salizzole e Pastrengo, che nei 30 ristoranti che proporranno originali ricette all’insegna della tradizione e della creatività. Grande novità di quest’anno, il gelato all’asparago con granella di mandorlato di Cologna veneta San Marco. Ad accompagnare il gusto intenso e delicato dell’asparago, la freschezza e la vivacità dei vini delle strade aderenti sapientemente abbinati ai piatti proposti.
Tutte le informazioni, il calendario degli appuntamenti, i menù dei ristoranti, le ricette sono disponibili sul www.asparagodiverona.it al quale è stato affiancato il profilo facebook /dallaterraallatavola per i vostri “Mi piace”.

Submit your comment

Please enter your name

Your name is required

Please enter a valid email address

An email address is required

Please enter your message

Visystem

il Bàcaro, andàr per gusto © 2017 Tutti i diritti riservati by VISYSTEM EDITORE

Rivista di storia e cultura enogastronomica nel Triveneto

Powered by VISYSTEM