Buoni, puliti e giusti: gli ortaggi d’autore di Slow Food

Responsabilizzare il consumatore e promuovere uno stile di vita che tenga in considerazione tutte le fasi della produzione agricola, nel rispetto delle materie prime, dell’ambiente e della natura. Questo il tema della mostra fotografica promossa da Slow food Friuli Venezia Giulia e firmata dal fotografo Stefano Lunardi, che verrà inaugurata il prossimo 25 maggio 2012 presso la Casa della Musica di Cervignano del Friuli (UD).

Spinto dall’esigenza di elaborare un racconto estetico dello “slow food pensiero”, secondo cui il cibo dovrebbe essere sostenibile, l’artista friulano ha sicuramente valorizzato attraverso il suo lavoro una gastronomia ecologica verso la quale tutti dovremmo andare, incoraggiando un confronto tra sviluppo economico e innovazione green oriented.

Nelle creazioni di Stefano Lunardi, infatti, gli alimenti si aprono a inediti punti di vista e proiezioni sconosciute per trasformarsi in vere e proprie opere d’arte. Immagini uniche, ispirate al più nobile senso estetico, per far capire quanto il piacere della bellezza del cibo sia un diritto da concedere a tutti e che non può prescindere dal concetto di buono, pulito e giusto.

Buono perché dev’essere il risultato della competenza di chi produce: dalla scelta delle materie prime fino all’utilizzo di metodi produttivi che non alterino la naturalità. Pulito perché prodotto senza stressare la terra, nel rispetto degli ecosistemi e dell’ambiente, ma anche perché rispettoso delle stagioni e delle distanze. Giusto perché concepito all’interno di economie globali equilibrate, nel rispetto delle diversità culturali e delle tradizioni.

E per coinvolgere il più possibile i visitatori all’interno di questa filosofia gastronomica firmata Slow Food, le opere fotografiche – o meglio gli alimenti – saranno esposti al pubblico nel loro “ambiente naturale”: le verdure in un vero e proprio orto, la frutta sugli alberi, la pasta e le conserve ordinatamente disposti in dispensa. Ma non è finita, perché gli ortaggi e fiori profumeranno, il dolce scorrere dell’acqua riecheggerà in sottofondo e la terra soffice e fresca si potrà toccare e sentire. Una vera e propria esperienza estetica, multisensoriale, istruttiva da non perdere e da vivere a 360 gradi nel cuore del Friuli Venezia Giulia: regione che ha fatto della genuinità e della naturalezza la sua bandiera.

Info su TERRA, Mostra Fotografica ECOgastronomica:

  • Durata della mostra: 26 maggio – 4 giugno
  • Entrata gratuita

Submit your comment

Please enter your name

Your name is required

Please enter a valid email address

An email address is required

Please enter your message

il Bàcaro, andàr per gusto © 2017 Tutti i diritti riservati by VISYSTEM EDITORE

Rivista di storia e cultura enogastronomica nel Triveneto

Powered by VISYSTEM