Protocollo Viticolo 2013: stop ai prodotti di maggiore tossicità

Il Conegliano Valdobbiadene verso una viticoltura sempre più rispettosa della cittadinanza e dell’ambiente

Prodotti di fascia rossa, ovvero a maggiore tossicità, quasi interamente banditi passando da 19 ammessi a 4, eliminazione di quelli a base di Mancozeb e sostituzione con prodotti di fascia verde, ovvero appartenenti alle categorie non classificati (NC) o Xi. Sono alcune delle principali novità del Protocollo Viticolo 2013, presentato dal Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco durante la conferenza stampa che si è tenuta il 16 aprile alla Camera di Commercio di Treviso e che ha visto la partecipazione delle associazioni di categoria Unindustria, Coldiretti, Confagricoltura, Cia di Treviso ma anche del responsabile locale di Legambiente, dei rappresentanti dei Comuni dell’area Docg e dell’Ulss 8. Presentato nel 2011 e adottato a partire dal 2012 su un totale di 600 ettari di vigneto, il Protocollo Viticolo è un manuale di autodisciplina voluto dai produttori dell’area del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore per rendere la viticoltura sempre più amica dell’ambiente. E i risultati si vedono: le ricadute positive si sono registrate su una superficie molto più estesa e l’obiettivo per il 2013 è quello di raddoppiare la rappresentatività grazie a una serie di novità e al dialogo instaurato con le ditte produttrici dei fitofarmaci e con i rivenditori, che hanno ricevuto in via preliminare la bozza, in modo da poter costruire il proprio magazzino nel rispetto del Protocollo. La rivoluzione bio avviata dal Consorzio con questo documento abbatte sensibilmente il numero di prodotti ammessi a partire appunto da quelli a base Mancozeb. Nel 2012 il loro impiego era previsto «in casi specifici di gravità e rischio, previa consultazione dei bollettini agrometeorologici» ora sono stati banditi 10 prodotti su 10. La linea restrittiva è stata applicata anche su altri composti di fascia rossa, i più tossici, autorizzati solo per pochi trattamenti a stagione. «I prodotti antiperonosporici di fascia rossa passano da 19 a quatto», spiega Filippo Taglietti, tecnico del Consorzio, «mentre gli antioidici della stessa categoria da otto a uno». Sono invece ammessi molti composti di classe tossicologica Nc o Xi, a basso impatto. Per tutti resta valido l’obbligo del patentino per l’acquisto, ma il disciplinare di difesa si spinge oltre.

Submit your comment

Please enter your name

Your name is required

Please enter a valid email address

An email address is required

Please enter your message

il Bàcaro, andàr per gusto © 2017 Tutti i diritti riservati by VISYSTEM EDITORE

Rivista di storia e cultura enogastronomica nel Triveneto

Powered by VISYSTEM