ELETTO IL PRIMO AMBASCIATORE DEL SOAVE

Soave Versus ha tenuto a battesimo il primo Master dedicato al Soave curato da AIS Veneto.
17 i finalisti arrivati da tutta Italia per conquistare l’ambito titolo.

Raccontare in tutta Italia il Soave, la sua versatilità, il suo territorio e l’impegno dei produttori veronesi. Sarà questo il compito del fiorentino Andrea Galanti, che lunedì 7 settembre ha conquistato il primo titolo Soave Master. Un concorso ideato ed organizzato da AIS Veneto con lo scopo dichiarato di promuovere il  vino bianco veronese per eccellenza, che negli ultimi anni sta registrando dei veri primati nazionali.

Nelle posizioni d’onore anche altri due toscani: 2° classificato è Massimo Tortora di Livorno, medaglia di bronzo invece a Simone Vergamini di Lucca. Un podio che dimostra come il Soave sia in grado di conquistare anche i palati più raffinati e non solo veneti. Come ha voluto precisare il presidente nazionale AIS Antonello Maietta, infatti, il Soave si fa apprezzare sia dal pubblico che dai tecnici per la sua grande adattabilità, un aspetto messo in luce durante il concorso dalla preparazione e capacità di abbinamento dimostrata dai concorrenti in gara.

Durante la premiazione, l’importanza del ruolo di Ambasciatore del Soave è stata ribadita anche dal direttore del Consorzio di Tutela del Soave Aldo Lorenzoni, che ha fortemente creduto nel progetto AIS Veneto. Non a caso la prima edizione del Master è stata tenuta a battesimo da Soave Versus, manifestazione organizzata dal Consorzio di Tutela del Soave. Una cornice perfetta, tutta dedicata al vino bianco simbolo del territorio veronese, ospitata nello splendido scenario dello storico Palazzo della Gran Guardia di Verona. Il presidente del Consorzio di Tutela  Arturo Stocchetti ha infine rilevato come il Soave sia vino per tutte le occasioni, in grado di avvicinare sia degustatori e tecnici sia il grande pubblico, ribadendone il primato di vino bianco nazionale.

Giusta soddisfazione è stata espressa  da Marco Aldegheri, presidente AIS Veneto: “Questo concorso lo abbiamo pensato come vero e proprio trampolino di lancio per i giovani sommelier e come opportunità per mettere alla prova i talenti del vivaio della Scuola Concorsi del Veneto. Sono soddisfatto soprattutto del livello altissimo dei partecipanti, molti dei quali giunti da fuori regione con la voglia di dimostrare alla commissione esaminatrice la propria preparazione  su questo autoctono che nasce in terra vulcanica e che racconta una bella storia di enologia della nostra regione”.

Submit your comment

Please enter your name

Your name is required

Please enter a valid email address

An email address is required

Please enter your message

il Bàcaro, andàr per gusto © 2017 Tutti i diritti riservati by VISYSTEM EDITORE

Rivista di storia e cultura enogastronomica nel Triveneto

Powered by VISYSTEM