“L’amore per il cibo rende liberi”: intervista alla dott.ssa Carla Lertola

“Dobbiamo riconoscere il desiderio di nutrirci come il nostro bisogno primordiale, un atto di amore e di accudimento irrinunciabile.” Carla Lertola.
L’amore per il cibo ci rende liberi e, soprattutto, sani. Il cibo è uno dei rami più importanti della medicina preventiva e anche curativa. Ha la capacità di prendersi cura di noi e mantenerci in salute.

Da queste premesse è nata l’iniziativa, “L’amore per il cibo ci rende liberi”, promossa dal Consorzio delle Prugne della California, che ha coinvolto la Dottoressa Carla Lertola e lo Chef Eva Golia. Un’occasione per riaffermare alcuni concetti essenziali per un nuovo approccio alla cucina, più consapevole e salutare.

Il risultato? Ricette sane, gustose, non esageratamente caloriche, che rispettano la migliore dieta del mondo, la dieta Mediterranea, rivista secondo il Metodo Carla Lertola. Ricette realizzate utilizzando come ingrediente principe le Prugne della California.
Un Menù buono e sano composto da cinque ricette davvero sorprendenti, non solo nei gusti ma anche nel loro sapersi dedicare, nello specifico, alla cura del corpo. Ricette quindi che vanno oltre il concetto di “nutrire”.

Che cosa significa essere in buona salute e alimentarsi correttamente?

Durante l’incontro, la Dottoressa Lertola ha illustrato le molteplici sfaccettature di un’alimentazione sana, raccontando quali sono le proprietà della prugna secca della California.

Le prugne secche della California sono da utilizzare un po’ dappertutto – sottolinea la Lertola – perchè contengono potassio, magnesio, vitamina B6 e tante fibre. Sono pure prive di sodio.
L’azione sinergica di questi e di altri componenti nutrizionali contenuti nelle prugne secche, può avere effetti benefici sulla salute. Inoltre la prugna secca ha un apporto calorico molto inferiore alla frutta secca oleosa, un criterio di cui bisogna tener conto in un corretto regime alimentare”.

Per raggiungere i nostri obiettivi di salute, peso e benessere, la Dottoressa Lertola ci invita a porre particolare attenzione al nostro rapporto con il cibo, perché per stare bene non dobbiamo essere in conflitto con esso, ma dobbiamo amarlo.

Durante l’incontro le ricette dello Chef Eva Golia

Smothies alle Prugne

INGREDIENTI – Dose per 1 persona
100 g di mirtilli
50 g di more
2 g di Prugne della California
1 cucchiaino da te di cocco disidratato
100 ml di latte di mandorle
1 foglia di menta

Preparazione

Mondate e lavate le verdure, del sedano (escluse le fibre più spesse), poi tagliatele a fettine sottili e mettetele a cuocere in una padella larga e bassa con poco olio. A pochi minuti dal termine della cottura aggiungete la frutta secca e il riso. Nel frattempo sciacquate la frutta secca e lasciatela a bagno, escluse le Prugne della California che poi dovranno essere tagliate a pezzettini.
Lavate bene il riso sotto l’acqua corrente, cuocetelo in una casseruola con abbondante acqua bollente (salate poco prima dell’ebollizione, fate sciogliere il sale e aggiungete il riso), serviranno ca. 40 minuti. Preparate una citronette con il succo del limone e il pepe bianco macinato al momento, condite il riso con l’emulsione, per ultimo aggiungete le mandorle e servite tiepido.

Muffin con lavanda e Prugne della California

INGREDIENTI – Dose per 24 muffin
270 g di farina
100 g di burro
120 g di zucchero
2 uova
200 g di yogurt intero
2 cucchiaini di lievito in polvere per dolci
semi di vaniglia
24 Prugne della California
fiori di lavanda
sale

Per la decorazione:
zucchero a velo.

Preparazione

Fate ammorbidire il burro a temperatura ambiente e con le fruste elettriche montatelo insieme allo zucchero. Unite le uova, i semi della vaniglia e un pizzico di sale. Mescolate bene, quindi unite 250 g di farina setacciata con il lievito, alternando con le cucchiaiate di yogurt. Lavate e asciugate le Prugne della California, tagliate il frutto a piccoli pezzetti e aggiungeteli al composto insieme ai fiori di lavanda (ad uso alimentare, si acquistano nelle erboristerie), facendo attenzione a misurarli, contengono un olio essenziale dal profumo molto forte.
Suddividete il composto negli stampi imburrati e infarinati, oppure in cui avete inserito i pirottini di carta, riempiteli non più di 2/3. Infornate a 180° per circa 25 minuti. Lasciate raffreddare i dolcetti, poi sformateli, spolverizzateli con lo zucchero a velo e decorateli con fiori di lavanda.

 

Submit your comment

Please enter your name

Your name is required

Please enter a valid email address

An email address is required

Please enter your message

il Bàcaro, andàr per gusto © 2017 Tutti i diritti riservati by VISYSTEM EDITORE

Rivista di storia e cultura enogastronomica nel Triveneto

Powered by VISYSTEM