Il sapore della solidarietà è il meglio del gusto italiano a Venezia73

Lo Chef Tino Vettorello firma la ristorazione della Mostra Internazionale dell’Arte Cinematografica al Lido di Venezia

Lo chef trevigiano Tino Vettorello ci ha preso gusto. Per il sesto anno consecutivo firma il lato gourmet della 73esima Mostra internazionale dell’arte cinematografica al Lido di Venezia, dal 31 agosto al 10 settembre. Ristorazione di alto profilo, caffetteria, lounge, cocktail bar e altre proposte servite da uno staff rodato di 40 cuochi e 100 fra barman e camerieri. Pesce fresco dell’alto Adriatico, prodotti DOP e IGP, salumi e formaggi veneti, una prestigiosa carta dei vini, rappresentativa dei Consorzi veneti e di altri importanti territori enologici, con un posto privilegiato per il Prosecco, bandiera della spumantistica italiana.

Tino nell’appuntamento veneziano presenterà, in particolare, la sua linea di cucina ispirata al vegetariano e ai prodotti ittici dell’eccellenza della laguna veneziana e dell’Alto Adriatico. Pesce, verdure ed erbe aromatiche spontanee degli orti veneti e lagunari, saranno il leitmotiv anche quest’anno per Tino, lo chef dei grandi eventi internazionali, delle olimpiadi di Sochi e naturalmente lo chef più amato dalle star del cinema alle quali Tino spesso dedica un piatto come ad esempio il celeberrimo “branzino alla Clooney” o “l’orata spericolata” dedicata a Vasco Rossi lo scorso anno. “Spesso la cucina vegetariana, secondo luoghi comuni, si ritiene sia priva di sapore o poco significativa”, dice Vettorello, “invece, oltre agli aspetti etici ed ambientali, molto importanti, presenta interessanti sfumature tali da renderla non solo estremamente salutare ma anche gourmet”. La squadra dello chef trevigiano è al lavoro per soddisfare il palato di ospiti speciali, attori,  registi, Vip, giornalisti, critici cinematografici e cinefili che affolleranno gli spazi della Biennale Cinema, tra cui la bellissima Terrazza Biennale affacciata sul lido più “chic” dell’Alto Adriatico.
tino vettorello
Giorni  intensi di cultura e mondanità in cui, però, non potrà mancare un forte richiamo alla tragedia del terremoto del 24 agosto che si è abbattuto  sulle popolazioni del Lazio, Marche e Umbria. Perciò Tino Vettorello, sulla scia di analoghe generose iniziative lanciate in tutta Italia da ristoratori e cuochi, nei giorni della Mostra del Cinema inserirà nel menu della sua ristorazione al Lido anche il sapore della solidarietà: un piatto di pasta all’Amatriciana, simbolo di Amatrice, il bellissimo borgo laziale devastato dal sisma. “In tutti gli spazi della ristorazione che gestirò alla Mostra del Cinema”, dice Tino Vettorello, “Inserirò nella lista dei primi piatti gli spaghetti all’Amatriciana, l’intero ricavato dal consumo di questa pasta della solidarietà sarà devoluto a sostegno delle popolazioni terremotate, tramite il canale di raccolta fondi che verrà attivato dalla Biennale Cinema nei giorni del festival”.

Nei vari poli di attrazione gastronomica della cittadella del cinema si susseguiranno eventi ed happening dedicati alle produzioni cinematografiche, ma anche tematiche dedicate al mondo del food italiano come l’evento nel quale Tino, in collaborazione con Club Magnar Ben/Best Gourmet, ospiterà uno dei “guru” della critica enogastronomica italiana, il gastronauta Davide Paolini che il 6 settembre alle ore 18.30 presso la Terrazza Biennale, presenterà il suo ultimo libro: “Alla scoperta del gusto italiano” (Editore 24 Ore Cultura). Davide Paolini de “Il Sole 24 Ore” e creatore di “Taste” a Firenze, sarà presentato dalla giornalista Cristiana Sparvoli e dal critico enogastronomico Maurizio Potocnik e s’ interfaccerà con Tino Vettorello tra racconti e assaggi di alcuni grandi prodotti di nicchia del Made in Italy abbinati a long drink e gin tonic gourmet, dal pistacchio di Bronte alle salse di  tartufi piemontesi, raccontati nelle storie di 50 artigiani “sapienti” che danno prestigio al sistema agroalimentare del nostro Paese, ricchissimo di  “giacimenti” gastronomici. Ci saranno sorprese gastronomiche anche il giorno 8 settembre con i grandi piatti che Tino ogni anno dedica agli attori, quest’anno si parla di Jean Paul Belmondo, LEONE D’ORO ALLA CARRIERA DI VENEZIA, ma piatto e dedica per il momento sono ancora segreti.

 

Submit your comment

Please enter your name

Your name is required

Please enter a valid email address

An email address is required

Please enter your message

Visystem

il Bàcaro, andàr per gusto © 2017 Tutti i diritti riservati by VISYSTEM EDITORE

Rivista di storia e cultura enogastronomica nel Triveneto

Powered by VISYSTEM