La Comunità Europea bacchetta la Moldavia: basta falso Prosecco!

La Ue insorge contro la Moldavia affinché tuteli il Prosecco come prevedono gli accordi internazionali

La questione riguarda la vicenda – ben nota al Consorzio Prosecco Doc – del “Prosecco Pronto”, prodotto in Moldavia dalla Bulgari Winery azienda alla quale il tribunale locale aveva dato un preoccupante parere favorevole.

La notizia, lanciata dalla sede di Bruxelles dell’ANSA viene commentata da Stefano Zanette, presidente del Consorzio Prosecco Doc in virtù del quale siede al vertice di Sistema Prosecco scarl, società che accorpa le tre denominazioni Conegliano Valdobbiadene docg, Asolo Prosecco docg e Prosecco Doc sul fronte della tutela: “E’ una presa di posizione importante che conferma quanto sia indispensabile fare squadra per fronteggiare gli innumerevoli casi di contraffazione che minano ogni giorno la serietà dei nostri produttori impegnati nel rispetto delle tante regole imposte dai propri disciplinari di produzione oltre che dalle norme nazionali ed europee. Il caso Moldavia, uno dei tanti intercettati a livello internazionale, si era rivelato particolarmente insidioso. Ringrazio con l’on De Castro tutte le istituzioni e le forze preposte ai controlli per il loro costante supporto”.

In particolare l’ANSA riportava le dichiarazioni di un portavoce della Commissione europea secondo il quale ‘il Prosecco è denominazione protetta nell’accordo di associazione Ue-Moldavia e la Commissione europea si aspetta che le autorità moldave prendano le misure necessarie a garantirne la tutela completa“. Sempre secondo il portavoce, la faccenda “è stata affrontata direttamente con le autorità moldave, incoraggiando le stesse a prendere tutte le misure necessarie per garantire l’effettiva tutela di questa indicazione geografica”.

Sul caso, lo scorso 30 marzo era stata indirizzata al commissario Ue al commercio Cecilia Malmstrom un’interrogazione parlamentare dall’eurodeputato Paolo De Castro (S&D) da sempre molto attento alla tutela internazionale delle denominazioni  italiane e del Prosecco in particolare. “In un recente incontro con il Commissario Malmstrom a Bruxelles – conclude il portavoce – il primo ministro Pavel Filip si è detto certo che sarà presto trovata una soluzione positiva al problema”.

“Il Consorzio – conclude Zanette –  grato per l’interessamento e la sensibilità dimostrata dalle autorità, resta in attesa di una soluzione che garantisca sia i consumatori che il sistema produttivo”.

Consorzio Prosecco DOC

Dida Foto: da sinistra, in uno scatto dell’incontro recentemente promosso dal Consorzio Prosecco Doc al recente Vinitaly sul tema della Tutela:

Paolo De Castro – Vice Presidente Commissione Agricoltura della Comunità Europea

Stefano Zanette – Presidente Consorzio Prosecco Doc

Stefano Vaccari – Capo dipartimento dell’ ICQRF (Ispettorato Repressione e Frodi del Mipaaf)

Nicola Cesare Baldrighi – Presidente Consorzio Granda Padano

Pier Battista Bergonzi – Curatore GazzaGolosa e Vice direttore Gazzetta dello Sport

Submit your comment

Please enter your name

Your name is required

Please enter a valid email address

An email address is required

Please enter your message

il Bàcaro, andàr per gusto © 2017 Tutti i diritti riservati by VISYSTEM EDITORE

Rivista di storia e cultura enogastronomica nel Triveneto

Powered by VISYSTEM