“Un viaggio in Oriente con Campari”

Sembrava uno spot degli anni ’80, di quelli della Milano da bere. Uomini e donne dall’aria vagamente manageriale, modelle in tubino attillato, giovanotti rampanti che inseguono gli stuzzichini. Sala piena, nella sede Campari di Sesto San Giovanni, per la finale del concorso Barman of the Year, che avrebbe premiato il più bravo a realizzare un cocktail a tema, in questo caso “Un viaggio in Oriente con Campari”. Al tema del viaggio era ispirata appunto tutta la manifestazione, con diverse aree tematiche ispirate ai vari continenti; per ognuno di essi, una specialità della casa, dal Campari Spritz al Negroni, e un cocktail ad hoc. Simpatico il sistema escogitato per usufruire delle bevande. All’entrata, veniva consegnato un “passaporto” da timbrare davanti al barman: per ogni bollino, una consumazione. Nel frattempo, sul palco si sono susseguiti i finalisti, presentati da Federico Russo. Ha vinto Luana Bosello, barista del “Del Cambio” di Torino, un aperitivo inedito che miscela Campari, pepe e mango. Un’affermazione che giunge dopo un lungo percorso, che ha visto la giura selezionare i finalisti fra più di 1500 iscritti, e 300 ricette. Fra i giurati della cerimonia finale, anche la bella Melissa Satta.

Federico Guerrini

Submit your comment

Please enter your name

Your name is required

Please enter a valid email address

An email address is required

Please enter your message

il Bàcaro, andàr per gusto © 2017 Tutti i diritti riservati by VISYSTEM EDITORE

Rivista di storia e cultura enogastronomica nel Triveneto

Powered by VISYSTEM